ETF su Materie Prime per Proteggersi dall'Inflazione

Questi fondi su materie prime offrono agli investitori esposizione alla variegata classe di attività, che è un'utile copertura contro l'inflazione e le tensioni geopolitiche.

Per molti investitori che ultimamente hanno seguito i titoli dei giornali, i timori dell'inflazione li hanno indotti a rivalutare i loro portafogli. Dopotutto, quando i prezzi aumentano e il potere d'acquisto dei consumatori viene eroso, a volte può avere un effetto negativo su determinati settori o attività. 


Una classe di attività che sicuramente si dimostrerà resiliente in un contesto di prezzi in costante aumento è quella delle materie prime. Dai metalli ai prodotti agricoli alle fonti energetiche, le merci di molti gusti diversi hanno naturalmente visto i loro valori aumentare in mezzo a pressioni inflazionistiche. Di conseguenza, la maggior parte delle azioni di materie prime e dei fondi negoziati in borsa (ETF) hanno avuto un andamento piuttosto redditizio ultimamente.


L'aggiunta di carburante al fuoco per i prezzi delle materie prime ha intensificato le tensioni geopolitiche innescate dall'invasione russa dell'Ucraina . "I prezzi globali delle materie prime sono in aumento a causa delle preoccupazioni per l'offerta di input chiave, che vanno dal petrolio greggio al grano e agli oli commestibili, aumentando il rischio che l'inflazione elevata possa persistere più a lungo di quanto molti si aspettino", afferma Arun Sundaram, analista di CFRA Research.


Tuttavia, ottenere esposizione a merci fisiche non è un compito facile. E mentre i broker di futures stanno adottando sempre più misure per accogliere i trader al dettaglio più piccoli, la curva di apprendimento a volte può essere ripida. 


Gli investitori che cercano di ottenere un punto d'appoggio potrebbero voler prendere in considerazione i fondi di materie prime, che consentono maggiore liquidità, efficacia in termini di costi e facilità d'uso. 


Ecco un'introduzione a 12 ETF sulle materie prime che offrono esposizione a diverse asset class. Questi fondi offrono agli investitori l'accesso a un'ampia varietà di futures su materie prime e hard asset, inclusi metalli preziosi, petrolio greggio e materie prime, che spesso possono fungere da copertura contro l'inflazione.

Leggi anche:




12 ETF di materie prime su cui investire quando c'è l'inflazione

etf materie prime, inflazione, etf inflazione, etf materie prime inflazione


1. SPDR Gold Trust


  • Asset in gestione: $ 62,2 miliardi
  • Spese: 0,40% o $ 40 all'anno per ogni $ 10.000 investiti

L'oro è forse l'hard asset più popolare del pianeta e l' SPDR Gold Trust ( GLD ) è il modo più popolare per giocare direttamente a questa merce, poiché il fondo tiene traccia della performance dei prezzi dei lingotti d'oro.


Questo ETF sulle materie prime ha certamente molti concorrenti a Wall Street, tra cui il più economico iShares Gold Trust ( IAU ) che offre un rapporto di spesa annuale inferiore e il VanEck Merk Gold Trust ( OUNZ ) che consente agli investitori di riscattare le azioni con oro fisico se vogliono prendere in consegna questo metallo prezioso invece della semplice carta commerciale. Tuttavia, con oltre $ 62 miliardi di asset in gestione, semplicemente non è possibile trovare un fondo di materie prime auree più profondo e consolidato di GLD.


Le azioni dell'SPDR Gold Trust sono aumentate rapidamente nelle ultime settimane a causa delle crescenti tensioni tra Russia e Ucraina e sono aumentate di quasi il 6% da fine gennaio, rispetto a un calo di circa il 3% per l'indice S&P 500. Su base di 12 mesi, tuttavia, GLD è in aumento di un più modesto 9,5%, sottoperformando il mercato azionario in generale.


E se le tendenze inflazionistiche roventi continuano, questo fondo aureo potrebbe rivelarsi una copertura decente contro l'aumento dei prezzi.


2. iShares Silver Trust

  • Asset in gestione: $ 13,2 miliardi
  • Spese: 0,50%

Simile per molti versi al suddetto fondo aureo, l' iShares Silver Trust ( SLV ) è un popolare fondo di materie prime che detiene argento fisico e mira a tracciare la performance di questo metallo prezioso.


Ma mentre sia l'oro che l'argento sono beni materiali popolari, è importante notare che l'argento generalmente viene scambiato per una frazione del prezzo dell'oro, ad esempio nella gamma bassa a due cifre per oncia rispetto all'oro che attualmente viene scambiato nel campo di $ 1.900 per oncia. oncia. 


Allo stesso modo, l'argento è popolare in molte applicazioni commerciali, compreso il suo uso nell'elettronica e in vari prodotti chimici. Questo prezzo unitario più basso e la domanda industriale di base significano che l'argento a volte può subire una volatilità a breve termine molto maggiore rispetto all'oro.


Naturalmente, mentre ciò potrebbe significare perdite più profonde se la volatilità oscilla nel modo sbagliato, potrebbe anche significare grandi profitti se si calcolano le cose nel modo giusto. 


Esempio calzante: dall'inizio di maggio 2020 fino alla fine di agosto dello stesso anno, SLV è quasi raddoppiato nella speranza di pressioni inflazionistiche e aumento della domanda grazie a un'economia in ripresa. I prezzi dell'argento sono leggermente diminuiti da allora, ma questo illustra il potenziale di un investimento tempestivo nel fondo argento .


3. Aberdeen Standard Physical Platinum Shares ETF

  • Asset in gestione: $ 1,2 miliardi
  • Spese: 0,60%

Potresti non aver necessariamente sentito parlare di Aberdeen, gestore patrimoniale e sponsor di fondi più piccoli. Tuttavia, vale la pena notare l'ETF Aberdeen Standard Physical Platinum Shares ( PPLT ). Il fondo di materie prime ha circa $ 1,2 miliardi di asset in gestione e offre agli investitori un gioco diretto sul platino fisico.


Il platino è un materiale affascinante perché in realtà è più prezioso per oncia dell'oro e, di conseguenza, segue molte delle tendenze del mercato dei metalli preziosi. 


Ma il platino non è solo bello e prezioso: chimicamente parlando, è un metallo denso, malleabile e non reattivo che lo rende ben attrezzato per applicazioni specializzate tra cui convertitori catalitici e celle a combustibile.


I prezzi del platino sono aumentati di recente con altre materie prime e, di conseguenza, il PPLT è aumentato del 9,4% da inizio anno. Gli investitori che guardano oltre i tipici metalli preziosi per un gioco più unico potrebbero voler dare un'occhiata più da vicino al platino nei prossimi mesi.


4. Fondo Invesco DB Commodity Index Tracking

  • Asset in gestione: $ 3,5 miliardi
  • Spese: 0,85%

Uno dei più grandi ETF diversificati sulle materie prime in circolazione è l' Invesco DB Commodity Index Tracking Fund ( DBC ). Questo fondo mira a tracciare un paniere dei 14 contratti futures su materie prime più scambiati.


Certo, ciò significa che DBC è piuttosto pesante dal punto di vista energetico poiché oltre il 50% delle sue attività sono in partecipazioni correlate. Questi includono benzina, carburante diesel a basso contenuto di zolfo e due forme di petrolio greggio sia nel contratto Brent da un porto europeo chiave che nel West Texas Intermediate che è più strettamente allineato con le tendenze della produzione nordamericana. 


Questi sono tra i prodotti futures più popolari al mondo per molte ragioni, quindi dominano il portafoglio. Tuttavia, fanno la loro comparsa anche altre materie prime, inclusi metalli di base come lo zinco e prodotti agricoli come mais e soia.


Forse non sorprende che la forte domanda da parte degli utenti finali in tutta l'economia globale, unita alle pressioni inflazionistiche che hanno fatto aumentare i costi delle materie prime, siano state piuttosto buone per l'Invesco DB Commodity Index Tracking Fund nel 2021. Le azioni di DBC hanno guadagnato oltre il 40% negli ultimi 12 mesi, che è quasi tre volte il rendimento dell'S&P 500 nello stesso periodo.


5. Invesco Optimum Yield Diversified Commodity Strategy No K-1 ETF

  • Asset in gestione: $ 6,5 miliardi
  • Spese: 0,59%

Con oltre il doppio degli asset in gestione, l' ETF Invesco Optimum Yield Diversified Commodity Strategy No K-1 da 6,5 ​​miliardi di dollari ( PDBC ) è la sorella più popolare del suddetto fondo di materie prime DBC.


La strategia è effettivamente la stessa, ma piuttosto che un fondo di materie prime puro gioco diretto, gli investitori stanno invece tracciando queste materie prime attraverso una struttura più complessa progettata per evitare i temuti moduli fiscali K-1 che molti trovano piuttosto problematici. 


Se non hai familiarità, è richiesto un K-1 per qualsiasi investimento che funzioni come una partnership - che, che tu ci creda o no, può applicarsi a molte azioni quotate in borsa o prodotti quotati in borsa. E quando investi in una partnership, devi riflettere i guadagni, le perdite, le detrazioni, i crediti e altre cose di quell'investimento sui tuoi rendimenti personali ogni aprile. Ma PDBC semplifica le cose e tutti i guadagni o le perdite che un investitore realizza da questo fondo verranno visualizzati sul modulo 1099 standard.


Vale la pena notare che, a causa della sua configurazione, i contratti future possono rappresentare solo il 25% del patrimonio netto del fondo, mentre il resto è detenuto in Treasury e altri titoli di debito statunitensi. 


Se vedi il valore nell'evitare alcune pratiche fiscali, allora PDBC potrebbe essere il fondo di materie prime per te. 


6. iShares GSCI Commodity Dynamic Roll Strategy ETF

  • Asset in gestione: $ 3,0 miliardi
  • Spese: 0,48%

Adottare un approccio completamente diverso è l' ETF iShares GSCI Commodity Dynamic Roll Strategy ( COMT ). A differenza dei precedenti fondi Invesco, la strategia "dynamic roll" implicita nel nome di questo fondo di materie prime adotta un approccio più qualitativo alla rotazione di ciascun contratto futures. In particolare, valuta il mercato e cerca la migliore opportunità di prezzo, invece di essere rigidamente vincolato a calendari di scadenza.


Tieni presente che la maggior parte degli ETF sulle materie prime a Wall Street, così come la maggior parte di questa lista, in realtà non accumulano metallo o petrolio in un magazzino da qualche parte, ma investono invece in materie prime "cartacee" tramite cose come contratti future su tali merci. Come suggerisce la parola "futures", questi contratti sono legati a una data specifica nel futuro. Alla scadenza di questi contratti, il fondo deve prendere posizione in un altro contratto legato a una data di scadenza futura.


È qui che COMT cerca di aggiungere valore, cercando di massimizzare i profitti quando il fondo "rotola" un contratto in un altro che è più lontano nel futuro invece di cercare semplicemente il prossimo mese disponibile sul calendario. È una differenza sottile ma importante, anche se l'elenco delle partecipazioni è simile ad altri fondi di materie prime qui presentati, concentrandosi sulla dozzina di contratti di materie prime più popolari a Wall Street.


7. First Trust Global Tactical Commodity Strategy Fund

  • Asset in gestione: $ 2,9 miliardi
  • Spese: 0,95%

Il First Trust Global Tactical Commodity Strategy Fund ( FTGC ) è un fondo di materie prime gestito attivamente che cerca di fornire agli investitori un'esposizione un po' più tattica alle materie prime rispetto a quella che otterrebbero tramite un fondo indicizzato fisso.


FTGC è servito dall'iconica società di Wall Street Brown Brothers Harriman e, sebbene sia un po' più costoso di alcuni degli altri ETF su materie prime in questo elenco, è un popolare investimento alternativo con circa $ 2,9 miliardi di asset. 


Le maggiori partecipazioni in questo momento sono principalmente metalli, con futures su oro, rame, alluminio e argento in cima alla lista. Tuttavia, FTGC ha la flessibilità per investire pesantemente in materie prime energetiche come petrolio e gas o futures agricoli come mais o soia. 


E sulla base della sua performance del 2022 - il First Trust Global Tactical Commodity Strategy Fund ha sovraperformato l'S&P 500 di circa 21 punti percentuali da inizio anno - sembra che i gestori siano sulla strada giusta.


Naturalmente, la gestione attiva taglia in entrambi i modi e non vi è alcuna garanzia che le prestazioni passate si sommeranno ai profitti futuri. Ma per gli investitori che vogliono guardare oltre alcuni dei fondi di materie prime più vanigliati là fuori, FTGC offre un'alternativa decente.

8. iShares S&P GSCI Commodity-Indexed Trust

  • Asset in gestione: $ 1,9 miliardi
  • Spese: 0,75%

L' iShares S&P GSCI Commodity-Indexed Trust ( GSG ) è un'altra opzione per gli investitori che cercano alternative alle azioni o alle obbligazioni. Ciò che rende unico questo fondo di materie prime è che ha un breve elenco di partecipazioni, la maggior parte delle quali, attualmente, sono contratti future legati all'energia. In effetti, è l'opzione più energetica dell'elenco finora con il 60% delle attività totali relative a contratti su materie prime come petrolio greggio e gas naturale.


Ciò ha consentito una corsa eccezionale negli ultimi 12 mesi grazie all'impennata dei prezzi dell'energia, con GSG che ha segnato oltre il 42% da febbraio 2021. Tuttavia, dovrebbe essere ovvio che questo tipo di inclinazione verso un determinato tipo di materie prime potrebbe creare problemi se e quando il mercato si muove dall'altra parte.


Tuttavia, se il tuo interesse principale nei fondi di materie prime è basato sull'aumento dei prezzi del petrolio o del gas, questa opzione ti offre un'esposizione piuttosto diretta ai combustibili fossili invece di preoccuparti della struttura aziendale dei grandi titoli energetici o dei gasdotti naturali che operano come intermediari.


9. iPath Bloomberg Commodity Index Total Return ETN

  • Asset in gestione: $ 1,2 miliardi
  • Spese: 0,70%

L' iPath Bloomberg Commodity Index Total Return ETN ( DJP ) è leggermente più piccolo di altri fondi di materie prime là fuori con circa $ 1,2 miliardi di asset totali, ma è forse il più equilibrato. 


Questo fondo non ha una singola merce che pesa più del 12% del suo portafoglio e, sebbene vari contratti di petrolio greggio e gas naturale siano in cima alla lista, rappresentano solo circa il 35% del patrimonio totale.


È interessante notare che questo approccio leggermente più diversificato alle materie prime chiave ha portato a una sovraperformance finora nel 2022. Da inizio anno, DJP ha virato a quasi il 16%.


Ci saranno sicuramente momenti nel tempo in cui fondi più mirati faranno meglio dell'indice iPath Bloomberg Commodity Index Total Return ETN, poiché i metalli preziosi o le materie prime energetiche hanno il loro momento di gloria. Ma se stai cercando una partecipazione a lungo termine che sia un gioco ampio sulle materie prime, DJP potrebbe essere un'alternativa migliore rispetto ad alcuni ETF sulle materie prime più grandi.


10. KraneShares Global Carbon ETF

  • Asset in gestione: 1,8 miliardi di dollari
  • Spese: 0,78%

Sebbene la maggior parte degli investitori possa pensare al petrolio o all'oro quando immagina di investire in materie prime, nell'era delle preoccupazioni sui cambiamenti climatici, c'è una maggiore attività nei mercati di scambio di carbonio. Di conseguenza, è stata posta maggiore attenzione su fondi come il KraneShares Global Carbon ETF ( KRBN ).


KRBN è confrontato con l'IHS Markit Global Carbon Index, che offre "un'ampia copertura delle quote di carbonio cap-and-trade" sulle principali borse di emissioni in tutto il mondo. Questi includono il sistema di scambio di quote di emissione dell'Unione europea leader a livello mondiale che è supportato da un mandato del governo, nonché iniziative più piccole come la Regional Greenhouse Gas Initiative negli Stati Uniti nordorientali. Quest'ultima è principalmente accettata dagli stati piuttosto che regolamentata a livello federale.


Per non pensare che questo sia solo un fondo progettato per farti sentire meglio sugli investimenti ambientali, sociali e di governance aziendale (ESG) , vale la pena notare che il prezzo dei crediti di carbonio in Europa è più che raddoppiato nell'ultimo anno circa, poiché la regione è diventata più aggressiva sulle normative climatiche e un'economia in ripresa ha creato più domanda. Di conseguenza, KRBN è aumentato di oltre il 90% nell'ultimo anno, superando facilmente l'S&P 500.


11. Fondo petrolifero a 12 mesi degli Stati Uniti

  • Asset in gestione: $ 146,4 milioni
  • Spese: 0,88%

Mentre i prezzi del carbonio sono aumentati alle stelle ultimamente, è innegabile che le materie prime legate ai combustibili fossili siano tra i contratti future più attivamente negoziati sul pianeta. E se stai cercando di coprire alcuni rischi durante la transizione dell'economia globale o se semplicemente vedi un'opportunità a breve termine in mezzo a elevate tensioni geopolitiche, lo United States 12 Month Oil Fund ( USL ) è un fondo di materie prime popolare e liquido vale la pena dare un'occhiata.


Invece di giocare indirettamente attraverso titoli energetici come Exxon Mobil ( XOM ), USL fornisce un'esposizione diretta al greggio. In particolare, questo fondo è confrontato a un paniere di contratti futures sul petrolio greggio West Texas Intermediate che scadono in ciascuno dei prossimi 12 mesi consecutivi. 


Ciò significa che non otterrai una vera performance one-to-one basata sulle fluttuazioni giornaliere di un barile di petrolio, quindi le mosse quotidiane del WTI non si rifletteranno esattamente. Tuttavia, la direzione sarà molto simile man mano che i mercati dei futures si adegueranno a queste variazioni di prezzo in tempo reale.


Inoltre, l'approccio a 12 mesi di USL evita il grande rischio di "mese iniziale" che potresti vedere semplicemente giocando il prossimo mese solare di contratti futures. Si consideri che il suo fondo gemello, lo United States Oil Fund ( USO ), ha perso più del 60% in una o due settimane nella primavera del 2020 quando i prezzi del greggio sono crollati, e poi è stato costretto a riformulare il suo approccio in modo che solo l'80% sia nel mese anteriore. Lo United States 12 Month Oil Fund offre una strategia simile per acquisire esposizione ai futures WTI, ma con un profilo di rischio leggermente inferiore.


12. Fondo per il mais di Teucrium

  • Asset in gestione: $ 150,8 milioni
  • Spese: 1,95%

Sebbene sia il fondo più piccolo di questa lista con circa $ 151 milioni di asset al momento, il Teucrium Corn Fund ( CORN ) è uno dei pochi modi in cui gli investitori individuali possono ottenere un'esposizione diretta alle materie prime agricole, al di fuori dell'apprendimento del trading diretto di futures contratti.


Il mais non è solo un alimento. Viene utilizzato in tutta l'economia globale come mangime per il bestiame, combustibile in etanolo e una "chimica" industriale utilizzata per creare amidi e dolcificanti. Inoltre, viene sempre più trasformata in plastica vegetale per le aziende che cercano di costruire operazioni più sostenibili. 


Dal punto di vista degli investimenti, i prezzi del mais sono anche incredibilmente indipendenti dal mercato azionario più ampio. Secondo la ricerca Teucrium , tra il 1 gennaio 2001 e il 31 dicembre 2020, la merce agricola aveva un minuscolo coefficiente di correlazione di appena 0,07, dove 1,00 è una correlazione uno a uno con l'S&P 500. A titolo di confronto, il gas naturale aveva una correlazione di circa 0,48 e l'argento di metalli preziosi aveva una correlazione di 0,26.


Il rapporto di spesa del fondo è certamente un po' alto al 195%, o $ 195 all'anno per ogni $ 10.000 investiti. Tuttavia, per un vero investimento alternativo, è da considerare l'esposizione al mais tramite il fondo di materie prime CORN.

Approfondimenti su ETF:


Nessun commento:

Posta un commento

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

LEGGI ANCHE

Approfondimenti: