ETF: Cos'é Guida Pratica agli ETF

Un fondo negoziato in borsa (ETF) è un tipo di titolo che comporta una raccolta di titoli - come le azioni - che spesso traccia un indice sottostante , sebbene possano investire in un numero qualsiasi di settori industriali o utilizzare varie strategie. Gli ETF sono per molti aspetti simili ai fondi comuni di investimento; tuttavia, sono quotati in borsa e le azioni dell'ETF vengono negoziate durante il giorno proprio come le azioni ordinarie.


Alcuni esempi ben noti sono l'ETF SPDR S&P 500 ( SPY ), che replica l' indice S&P 500 . Gli ETF possono contenere molti tipi di investimenti, tra cui azioni, materie prime, obbligazioni o una combinazione di tipi di investimento. Un fondo negoziato in borsa è un titolo negoziabile , il che significa che ha un prezzo associato che gli consente di essere facilmente acquistato e venduto.



Un fondo negoziato in borsa (ETF) è un paniere di titoli scambiati in borsa, proprio come un titolo.
I prezzi delle azioni dell'ETF fluttuano tutto il giorno man mano che l'ETF viene acquistato e venduto; questo è diverso dai fondi comuni di investimento che vengono scambiati una sola volta al giorno dopo la chiusura del mercato.

Gli ETF possono contenere tutti i tipi di investimenti, inclusi titoli, materie prime o obbligazioni; alcuni offrono partecipazioni solo negli Stati Uniti, mentre altri sono internazionali.
Gli ETF offrono rapporti di spesa bassi e meno commissioni di intermediazione rispetto all'acquisto individuale delle azioni.
Un ETF è chiamato un fondo negoziato in borsa poiché è scambiato in uno scambio proprio come le azioni. Il prezzo delle azioni di un ETF cambierà durante il giorno di negoziazione man mano che le azioni vengono acquistate e vendute sul mercato. Ciò è diverso dai fondi comuni di investimento , che non sono negoziati in borsa, e vengono negoziati una sola volta al giorno dopo la chiusura dei mercati.



Un ETF è un tipo di fondo che detiene più attività sottostanti , anziché solo uno come un titolo. Poiché vi sono più attività all'interno di un ETF, possono essere una scelta popolare per la diversificazione.


Un ETF può possedere centinaia o migliaia di azioni in vari settori o potrebbe essere isolato in un determinato settore o settore. Alcuni fondi si concentrano solo sulle offerte statunitensi , mentre altri hanno una prospettiva globale. Ad esempio, gli ETF incentrati sul settore bancario conterrebbero azioni di varie banche in tutto il settore.

CORRELATI >>> Investimenti a basso rischio capitale

ETF: Cos'é Guida Pratica agli ETF



Tipi di ETF


Esistono vari tipi di ETF disponibili per gli investitori che possono essere utilizzati per generare reddito, speculazioni, aumenti dei prezzi e per coprire o compensare parzialmente il rischio nel portafoglio di un investitore. Di seguito sono riportati alcuni esempi dei tipi di ETF.


  • Gli ETF obbligazionari potrebbero includere titoli di stato, obbligazioni societarie e obbligazioni statali e locali, chiamati obbligazioni municipali.
  • Gli ETF settoriali tracciano un settore particolare come la tecnologia, il settore bancario o il settore petrolifero e del gas.
  • Gli ETF su materie prime investono in materie prime tra cui petrolio greggio o oro.
  • Gli ETF su valute investono in valute estere come l'euro o il dollaro canadese.
  • Gli ETF inversi tentano di guadagnare guadagni dal calo delle scorte in cortocircuito. Il shorting sta vendendo un titolo, prevedendo un calo di valore e riacquistandolo a un prezzo inferiore.
  • Gli investitori devono essere consapevoli del fatto che molti ETF inversi sono Exchange Traded Notes (ETN) e non veri ETF. Un ETN è un'obbligazione ma negozia come un titolo ed è sostenuto da un emittente come una banca. Assicurati di verificare con il tuo broker per determinare se un ETN è adatto al tuo portafoglio.


Negli Stati Uniti, la maggior parte degli ETF sono costituiti come fondi a tempo indeterminato e sono soggetti all'Investment Company Act del 1940, tranne nei casi in cui le norme successive hanno modificato i requisiti normativi. I fondi aperti non limitano il numero di investitori coinvolti nel prodotto.

Come acquistare e vendere ETF


Gli ETF operano tramite broker online e broker-dealer tradizionali. È possibile visualizzare alcuni dei migliori broker del settore per gli ETF con l'elenco di Investopedia dei migliori broker per gli ETF . Un'alternativa ai mediatori standard sono robo-consulenti come Miglioramento e Wealthfront che fanno uso di ETF nei loro prodotti di investimento.


Esempi reali di ETF


Di seguito sono riportati esempi di ETF popolari oggi sul mercato. Alcuni ETF seguono un indice di titoli che creano un ampio portafoglio mentre altri si rivolgono a settori specifici.


  • SPDR S&P 500 (SPY): l'ETF più vecchio sopravvissuto e più conosciuto replica l'indice S&P 500
  • iShares Russell 2000 (IWM): tiene traccia dell'indice Russell 2000 small cap
  • Invesco QQQ (QQQ): indicizza il Nasdaq 100, che in genere contiene titoli tecnologici
  • SPDR Dow Jones Industrial Average (DIA): rappresenta i 30 titoli della Dow Jones Industrial Average
  • ETF settoriali: tracciare singoli settori come petrolio (OIH), energia (XLE), servizi finanziari (XLF), REIT (IYR), Biotech (BBH)
  • ETF sulle materie prime: rappresentano i mercati delle materie prime tra cui petrolio greggio (USO) e gas naturale (UNG)
  • ETF con supporto fisico: SPDR Gold Shares (GLD) e iShares Silver Trust (SLV) detengono oro fisico e lingotti d'argento nel fondo


Vantaggi e svantaggi degli ETF


Gli ETF offrono costi medi inferiori poiché sarebbe costoso per un investitore acquistare singolarmente tutte le azioni detenute in un portafoglio di ETF. Gli investitori devono solo eseguire una transazione da acquistare e una transazione da vendere, il che porta a un minor numero di commissioni di intermediazione poiché gli investitori effettuano solo poche operazioni. I broker in genere applicano una commissione per ogni operazione. Alcuni broker offrono persino negoziazioni senza commissioni su determinati ETF a basso costo, riducendo ulteriormente i costi per gli investitori.

Il rapporto di spesa di un ETF è il costo di gestione e gestione del fondo. Gli ETF hanno in genere spese ridotte poiché seguono un indice. Ad esempio, se un ETF replica l'indice S&P 500, potrebbe contenere tutti i 500 titoli dell'S & P, rendendolo un fondo gestito passivamente e meno dispendioso in termini di tempo. Tuttavia, non tutti gli ETF seguono un indice in modo passivo.

Pro



  • Accesso a numerosi titoli in vari settori
  • Rapporti di spesa bassi e meno commissioni di intermediazione.
  • Gestione del rischio attraverso la diversificazione
  • Esistono ETF incentrati su settori mirati


Contro


  • Gli ETF gestiti attivamente hanno commissioni più elevate
  • Gli ETF focalizzati sul settore unico limitano la diversificazione
  • La mancanza di liquidità ostacola le transazioni


ETF gestiti attivamente


Esistono anche ETF gestiti attivamente, in cui i gestori di portafoglio sono maggiormente coinvolti nell'acquisto e nella vendita di azioni di società e nella modifica delle partecipazioni all'interno del fondo. In genere, un fondo a gestione più attiva avrà un rapporto di spesa più elevato rispetto agli ETF gestiti passivamente. È importante che gli investitori determinino il modo in cui il fondo è gestito, indipendentemente dal fatto che sia gestito attivamente o passivamente, il rapporto spese risultante e che soppesino i costi rispetto al tasso di rendimento per assicurarsi che valga la pena detenerlo.


ETF su azioni indicizzate


Un ETF su azioni indicizzate offre agli investitori la diversificazione di un fondo indicizzato nonché la possibilità di vendere allo scoperto, acquistare a margine e acquistare una sola azione in quanto non vi sono requisiti minimi di deposito. Tuttavia, non tutti gli ETF sono equamente diversificati. Alcuni possono contenere una forte concentrazione in un settore o un piccolo gruppo di azioni o attività che sono altamente correlate tra loro.

Dividendi ed ETF


Mentre gli ETF offrono agli investitori la possibilità di guadagnare con l'aumento o il calo dei prezzi delle azioni, beneficiano anche delle società che pagano dividendi. I dividendi sono una parte degli utili assegnati o pagati dalle società agli investitori per detenere le proprie azioni. Gli azionisti dell'ETF hanno diritto a una parte degli utili, come interessi maturati o dividendi pagati, e possono ottenere un valore residuo in caso di liquidazione del fondo.

ETF e tasse


Un ETF è più efficiente sotto il profilo fiscale di un fondo comune poiché la maggior parte degli acquisti e delle vendite avviene attraverso uno scambio e lo sponsor dell'ETF non ha bisogno di riscattare le azioni ogni volta che un investitore desidera vendere o emettere nuove azioni ogni volta che un investitore desidera acquistare. Il riscatto di azioni di un fondo può comportare un'obbligazione fiscale, pertanto la quotazione delle azioni su uno scambio può ridurre i costi fiscali. Nel caso di un fondo comune di investimento, ogni volta che un investitore vende le proprie azioni, lo rivende al fondo e deve incorrere in una passività fiscale che deve essere pagata dagli azionisti del fondo.

Impatto sul mercato degli ETF


Da quando gli ETF sono diventati sempre più popolari tra gli investitori, sono stati creati molti nuovi fondi che hanno comportato bassi volumi di negoziazione per alcuni di essi. Il risultato può portare gli investitori a non essere in grado di acquistare e vendere facilmente azioni di un ETF a basso volume.

Sono emerse preoccupazioni circa l'influenza degli ETF sul mercato e se la domanda di questi fondi possa gonfiare i valori delle azioni e creare fragili bolle. Alcuni ETF si basano su modelli di portafoglio non testati in diverse condizioni di mercato e che possono provocare afflussi e deflussi estremi dai fondi, che hanno un impatto negativo sulla stabilità del mercato. Dalla crisi finanziaria, gli ETF hanno svolto un ruolo importante nei crolli di mercato e nell'instabilità. I problemi con gli ETF sono stati fattori significativi negli arresti anomali del flash e nelle flessioni del mercato a maggio 2010, agosto 2015 e febbraio 2018 .


Creazione e rimborso dell'ETF


La fornitura di azioni dell'ETF è regolata attraverso un meccanismo noto come creazione e rimborso, che coinvolge grandi investitori specializzati, chiamati  partecipanti autorizzati (AP).

Creazione


Quando un ETF desidera emettere ulteriori azioni, l'AP acquista le azioni dei titoli dall'indice, come l'S & P 500 monitorato dal fondo, e le vende o scambia all'ETF con nuove azioni dell'ETF a un valore uguale. A sua volta, l'AP vende le azioni dell'ETF sul mercato a scopo di lucro. Il processo di un AP che vende azioni allo sponsor dell'ETF, in cambio di azioni dell'ETF, è chiamato creazione .

La creazione di azioni scambiate con un premio 


Immagina un ETF che investe in azioni dell'S & P 500 e abbia un prezzo delle azioni di $ 101 alla chiusura del mercato. Se il valore delle azioni che possiede l'ETF valeva solo $ 100 per azione, il prezzo del fondo di $ 101 viene scambiato con un premio al valore patrimoniale netto (NAV) del fondo. Il NAV è un meccanismo contabile che determina il valore complessivo delle attività o delle azioni di un ETF.

Un partecipante autorizzato ha un incentivo a riportare il prezzo dell'azione dell'ETF in equilibrio con il NAV del fondo. Per fare ciò, l'AP acquisterà dal mercato le azioni che l'ETF vuole detenere nel proprio portafoglio e le venderà al fondo in cambio di azioni dell'ETF. In questo esempio, l'AP sta acquistando azioni sul mercato aperto del valore di $ 100 per azione, ma sta ottenendo azioni dell'ETF che sono scambiate sul mercato aperto per $ 101 per azione. Questo processo si chiama creazione e aumenta il numero di azioni dell'ETF sul mercato. Se tutto il resto rimane lo stesso, aumentando il numero di azioni disponibili sul mercato si ridurrà il prezzo dell'ETF e si adegueranno le azioni al NAV del fondo.

Rimborso


Al contrario, un AP acquista anche quote dell'ETF sul mercato aperto. L'AP rivende quindi queste azioni allo sponsor dell'ETF in cambio di singole azioni che l'AP può vendere sul mercato aperto. Di conseguenza, il numero di azioni dell'ETF viene ridotto attraverso il processo chiamato rimborso .

L'importo dell'attività di riscatto e di creazione è una funzione della domanda sul mercato e se l'ETF negozia con uno sconto o un premio sul valore delle attività del fondo.

Rimborso in caso di negoziazione di azioni a prezzo scontato


Immagina un ETF che detiene le azioni dell'indice Russell 2000 small cap e che attualmente negozia per $ 99 per azione. Se il valore delle azioni detenute dall'ETF nel fondo vale $ 100 per azione, allora l'ETF viene negoziato con uno sconto sul NAV.

Per riportare il prezzo delle azioni dell'ETF sul suo NAV, un AP acquisterà le azioni dell'ETF sul mercato aperto e le venderà all'ETF in cambio di azioni del portafoglio azionario sottostante. In questo esempio, l'AP è in grado di acquistare azioni per un valore di $ 100 in cambio di azioni ETF acquistate per $ 99. Questo processo si chiama rimborso e riduce l'offerta di azioni dell'ETF sul mercato. Quando l'offerta di azioni dell'ETF è ridotta, il prezzo dovrebbe aumentare e avvicinarsi al suo NAV.
Fonte: https://finanza.economia-italia.com/
Ubicazione: Wall St, New York, NY, Stati Uniti