Passa ai contenuti principali

Come Investire in Auto D'epoca

Le auto classiche si sono rivelate un ottimo investimento, se hai scelto quelle giuste


Nigel Thorley è cresciuto con Jaguars. Le auto di suo padre includevano una Jaguar SS e Jaguar Marks VII, IX e X e ha posseduto oltre 60 Jaguars e Daimlers, lui stesso, iniziando con un Mark II all'età di 17 anni. Attualmente sta usando un moderno XJ8 e un Mark VIII del 1958 .

Thorley, editore della rivista Jaguar Enthusiast, è uno dei sempre più numerosi appassionati di auto d'epoca nel Regno Unito: acquista sia per amore delle auto sia come investimento. I prezzi delle auto d'epoca sono aumentati del 395 per cento nei 10 anni fino alla fine del 2012 , battendo monete d'oro, francobolli, belle arti e buon vino , secondo l'indice di lusso di Knight Frank. Solo l'anno scorso il mercato delle auto d'epoca è aumentato del 23%.

"Le auto classiche si stanno dimostrando uno degli investimenti più redditizi e robusti in circolazione, a condizione che vengano scelti il ​​marchio e il modello giusti", afferma Gary Axon, portavoce di Goodwood Motorsport.

"Negli ultimi tre o quattro anni, i valori delle auto d'epoca classiche più vecchie all'asta o nei rivenditori e nelle vendite private hanno contrastato la recessione globale, dimostrando un investimento prudente come le altre due principali materie prime a prova di recessione, arte e vino d'annata “.

come investire in auto d'epoca
Aston Martin DB5 classico di James Bond, dal film "Goldfinger


---------------


Fai le tue ricerche


Il mercato delle auto classiche è stato tuttavia difficile da investire. Per anni ha sfidato i tentativi di seguire i suoi movimenti perché, a differenza del vino, dell'oro o di altre merci scambiate, non vi era una guida indipendente alle tendenze più ampie. Così, nel 2007, il banchiere Dietrich Hatlapa ha portato il suo amore per le auto classiche un ulteriore passo avanti e ha creato il primo autorevole indice indipendente, insieme all'organizzazione di ricerca internazionale Historic Automobile Group per sostenerlo.

L'appello di Astons
L'Aston Martin DB4GT finale uscirà dalla linea di produzione venduta per un prezzo da record mondiale di £ 3,25 milioni all'Aston Martin Centenary Sale lo scorso fine settimana.

Conosciuto come "The Jet", il DB4GT, è stato il protagonista dell'asta con carrozzerie della casa di design italiana Bertone, e ha inviato offerte aumentando a incrementi di £ 100.000 alla volta. Era una delle sole 47 auto incluse nella vendita.

In parte grazie alle sue associazioni James Bond, Aston Martin è il marchio britannico più desiderabile per i collezionisti di auto sportive classiche, e anche le auto piuttosto fatiscenti che si trovano nei granai vendute a prezzi sopra stimati in questa particolare asta.

Un DB5 del 1964 scoperto dopo tre decenni in un vecchio garage con un nido di topo nel suo vano motore venduto per £ 320.700 all'asta di Bonhams di Aston Martins, il 14 ° che si terrà presso Aston Martin Works. Un progetto di berlina sportiva Vantage DB6 del 1966, ancora intatto per 30 anni, fu venduto per £ 107.900.


L'indice ora copre 50 auto del valore di almeno £ 100.000, ognuna con solo 1.000 esempi costruiti e tutti con una consolidata comunità di collezionisti. L'indice mostra valori in aumento del 16% nel 2012.

Gli esperti affermano che marchi con una storia prestigiosa, come la Aston Martin, la Bentley o la Bugatti, o con un passato da corsa, come la Ferrari o la Jaguar, sono investimenti affidabili. Lo stesso vale per i classici minori dagli anni '50 agli anni '80, macchine più economiche come la Jaguar E-type, la Maseratis e le precedenti Lancias. Tuttavia, afferma che il mercato delle auto più recenti è meno robusto.

L'aumento e la diminuzione del valore delle auto per una serie di motivi, afferma James Knight, direttore automobilistico del gruppo presso la casa d'aste Bonhams. A volte può essere un produttore che produce grandi auto moderne che riaccendono l'interesse per i loro predecessori. A volte l'interesse è alimentato dalla celebrazione di un anniversario per un modello particolare. Un'auto che ha guadagnato su entrambi i fronti è la Aston Martin DB5, in particolare a causa delle sue connessioni con James Bond.

www.historicautogroup.com

www.goodwood.co.uk

---------------


Acquista direttamente


Se hai il tempo, le conoscenze e i fondi, possedere una macchina è sicuramente il modo migliore per investire in auto classiche. Avrai bisogno di un ampio garage - possibilmente con termoregolatori - per riporre la tua auto e dovrai pagare per l'assicurazione e la manutenzione dell'auto.

Knight a Bonhams dice che non devi essere un milionario per comprare un'auto classica, comunque. Gli investitori possono spendere £ 3.000- £ 4.000 per ottenere un MG Midget, £ 12.000 su un Alfa Romeo GT Veloce progettato da Bertone o £ 10.000 per un Triumph TR4.

Chiunque sia seriamente interessato a investire dovrebbe cercare tra le riviste come Classic Car Weekly o Classic Cars i modelli in vendita. Anche case d'aste come Bonhams e Christie's organizzano vendite regolari di auto d'epoca.

Ma ci sono grandi rischi nell'acquisto diretto. Le auto classiche necessitano di manutenzione regolare e i pezzi di ricambio saranno spesso costosi. E nonostante le ingenti somme pagate per le migliori auto, il mercato non è tornato alla frenesia della fine degli anni '80, quando alcuni veicoli cambiarono le mani cinque o sei volte l'anno. Il mercato si è bloccato quando la recessione ha colpito nel 1990 e il prezzo di una Jaguar di tipo E - descritta da Enzo Ferrari come l'auto più bella del mondo - è scesa da un picco di £ 100.000 a meno di £ 40.000 in pochi mesi.

www.bonhams.com

www.christies.com

www.classiccarweekly.co.uk

www.classiccarsmagazine.co.uk

---------------


Massimizzare i benefici fiscali


Sorprendentemente, ci sono anche vantaggi fiscali nel possedere l'auto direttamente. "Le auto classiche come investimento sono esenti dall'imposta sulle plusvalenze (CGT), quindi questo è considerato un investimento esente da imposte", afferma Tim Gregory, partner della società di contabilità Saffery Champness. “Ma dovresti stare attento a non comprare e vendere così spesso da poter essere considerato un rivenditore. I profitti che guadagni potrebbero quindi essere soggetti a imposta. "

Dice che è necessario registrarsi per l'IVA se le vendite sono superiori al limite di registrazione IVA di £ 77.000. Tuttavia, esiste un regime IVA speciale per i concessionari di auto usate.

All'inizio di quest'anno c'erano anche alcune buone notizie per i proprietari di auto d'epoca nel Budget, quando la data a partire dalla quale i veicoli sono esenti dall'accisa sui veicoli è stata spostata nel 1974. In precedenza solo le auto costruite prima del 1 gennaio 1973 erano esenti dalla tassa di circolazione, ma ora l'auto prodotta prima del 1 ° gennaio 1974 avrà diritto a un disco fiscale gratuito. Tra le auto classiche che si qualificheranno per l'esenzione secondo le nuove regole ci sono le prime versioni di Reliant Scimitar e MGB V8.

Leggi anche >> Comprare orologi di lusso


Investi in fondi


Se non hai qualche milione di sterline da risparmiare, c'è un'altra strada per possedere un'auto classica. Negli ultimi anni sono stati istituiti numerosi fondi - con vari successi - che investono in auto d'epoca. Tra quelli ancora disponibili per gli investitori c'è il Classic Car Fund che è stato lanciato da The Count of Custoza Family Office a Zurigo, nel 2011. C'è anche il Family Classic Cars Fund, con sede in California. Per un investimento minimo di $ 10.000, gli investitori possederanno un pezzo di ogni auto nel fondo e il 50% di Family Classic Cars, la società operativa che fornisce assistenza, ripristina e immagazzina auto.

Tuttavia, i consulenti avvertono che i rendimenti di questi fondi possono essere piuttosto volatili. Questo perché le automobili non producono entrate, quindi l'unico modo per trarre profitto è attraverso l'apprezzamento del capitale per un lungo periodo di tempo. Se si dimostra un investimento scarso, le commissioni, l'assicurazione, la manutenzione e lo stoccaggio incideranno gravemente su questi profitti. C'è anche il problema della valutazione. A differenza del prezzo di un'azione, valutare un'auto classica è più difficile perché non esistono due auto uguali.

Previsioni di borsa per luglio

Commenti