La visualizzazione degli annunci sulla pagina può richiedere fino a un'ora. Per ulteriori dettagli, consulta la nostra guida all'implementazione del codice. Se hai già implementato il codice degli annunci automatici nelle tue pagine, non è necessario sostituirlo con questo codice Investimenti e Prestiti: Azioni da Comprare Luglio 2020 e Volatilità del Covid: rimanere liquidi

Azioni da Comprare Luglio 2020 e Volatilità del Covid: rimanere liquidi

Rimanere liquidi: è questo che bisogna fare in casi di volatilità come in questo luglio 2020. 
Purtroppo il numero di nuovi casi di coronavirus negli Stati Uniti e in america latina preannunciano un  mercato finanziario molto volatile e se siete dei bravi trader professionisti può darsi che riusciate a cogliere le occasioni e fare buoni guadagni, mentre se siete degli investitori nel lungo termine, conviene lasciar perdere, rimanere liquidi, e aspettare tempi migliori. 


Quando? Ce lo diranno le notizie sul coronavirus, quando i mercati non avranno più paura di eventuali lockdown. Ma intanto vediamo quelle che sono state le migliori azioni in questo periodo di tempo.

L'economia della Silicon Valley rimane forte per  i100 giorni nel coronavirus, rispetto ad altri settori

Il nuovo campus di 175 acri della "nave spaziale" di Apple Inc., soprannominato Apple Park, costa circa $ 5 miliardi. È una sede espositiva nella Silicon Valley, dove l'industria nascente sta superando l'economia della California e il resto della nazione. 

Mentre praticamente ogni aspetto dell'economia americana è stato colpito duramente durante la pandemia di coronavirus, l'industria tecnologica e il suo hub nella contea di Santa Clara continuano a fare meglio delle altre grandi regioni della California e della nazione, sulla base di tre studi pubblicati questa settimana.

Mentre la Silicon Valley è fiorente, le industrie non tecnologiche soffrono, allargando ulteriormente il divario di ricchezza con altri settori a soli 100 giorni dalla pandemia.

Azioni da Comprare Luglio 2020 e Volatilità del Covid: rimanere liquidi


Il tasso di disoccupazione della California è rimasto "ostinatamente alto" da aprile a maggio, al 16,3%, mentre i dati nella Silicon Valley sono leggermente migliorati, secondo i dati del Public Policy Institute of California (PPIC) di giovedì inoltrato. Il tasso di disoccupazione nell'area metropolitana di San Jose-Sunnyvale-Santa Clara, il centro della Silicon Valley, è aumentato dello 0,8% a maggio, all'11,2%. A San Francisco-Redwood City-South San Francisco, è migliorato dallo 0,2% all'11,9%.

In molte aree metropolitane della Bay Area, dove quote relativamente elevate di posti di lavoro possono essere svolte in remoto, i tassi di disoccupazione sono stabili e continuano ad essere tra i più bassi dello stato, ha detto a Sarah Market Sarah Bohn, vicepresidente della ricerca PPIC. Tuttavia, avverte che il miglioramento della disoccupazione può mascherare il fatto che alcune persone hanno smesso di cercare lavoro.

La scorsa settimana, un altro studio ha detto più o meno la stessa cosa. La disoccupazione della Silicon Valley è leggermente diminuita a maggio, all'11% dall'11,6% di aprile, secondo l'Istituto per gli studi regionali della Silicon Valley.

La resilienza di Tech si è estesa alla recente capitalizzazione di mercato con massimi record registrati per le azioni di Apple Inc. AAPL, -3,07% , Facebook Inc. FB, -8,31% e Netflix Inc. NFLX, -4,83% . Poiché la maggior parte delle azioni tecnologiche ha toccato il fondo il 23 marzo, in genere hanno sovraperformato le società non tecnologiche quotate in borsa, secondo un'analisi di Rachel Solomon Massaro, direttore della ricerca di Joint Venture, per MarketWatch.

Fino a giovedì, azioni di Zoom Video Communications Inc. ZM, -1,04% (+ 63%), Apple (62%), Facebook (59%), Google Alphabet Inc. (37%) e Netflix (30%) hanno superato Gap Inc. GPS, + 18.79% (62%), Visa Inc. V, -2,42% (43%) e Levi Strauss & Co. LEVI, -5,25% (25%) e PG&E Corp. PCG, -6,16% (20%), che hanno anche sede nella Baia di San Francisco.

Il galleggiamento delle società tecnologiche è stato sottolineato da un ritorno in ufficio da parte di alcuni dipendenti di Apple, VMware Inc. VMW, -1,97% e Juniper Networks Inc. JNP, -0.11% sebbene la stragrande maggioranza dei loro dipendenti continui a lavorare da casa. Un avvertimento importante è un picco nei casi di coronavirus in California e altrove, che ha spinto Apple a chiudere temporaneamente 32 Apple Store negli Stati Uniti e potrebbe portare a blocchi in diversi stati.

La fortuna dei settori tecnologici si riflette anche nel finanziamento del capitale di rischio, dove la Silicon Valley supera di gran lunga il resto della California e della nazione, sulla base dei dati di PitchBook in esclusiva per MarketWatch. Le società con sede a Valley hanno raccolto $ 7,9 miliardi a maggio, in crescita del 108% rispetto ai $ 3,8 miliardi di aprile. In California, il totale di $ 9,1 miliardi a maggio è migliorato dell'82% rispetto ai $ 5 miliardi di aprile. A livello nazionale, il totale di $ 13,9 miliardi a maggio è aumentato del 54% rispetto ai $ 9 miliardi di aprile.


Tra i grandi vincitori del finanziamento di venture capital nella Silicon Valley negli ultimi 100 giorni ci sono la controllata senza conducente di Alphabet Waymo LLC ($ 750 milioni il 12 maggio), Stripe Inc. ($ 631 milioni il 30 aprile) e Impossible Foods ($ 500 milioni il 20 marzo) , secondo Thomson One.


Poi ci sono tutti gli altri.


Mentre le industrie non tecnologiche come la vendita al dettaglio continuano a lottare in California, altri 1,48 milioni di persone in tutta la nazione hanno presentato domanda di disoccupazione per la prima volta la scorsa settimana, la 14a settimana consecutiva più di 1 milione di lavoratori hanno presentato richieste di sussidi di disoccupazione dall'inizio della pandemia di coronavirus. Il tasso di disoccupazione nazionale è compreso tra il 13,3% e il 16,3%, sulla base dell'interpretazione dei dati recenti forniti dall'Ufficio Statistico del Lavoro degli Stati Uniti.


Le industrie di vendita al dettaglio e di servizi continuano a essere martellate a livello nazionale e in California.

Prima della pandemia, oltre 2,2 milioni di californiani, pari all'11,7% dell'occupazione statale totale, erano lavoratori autonomi. Il loro numero è precipitato di quasi un milione tra la fine di aprile e la metà di maggio e poi rimbalzato di circa la metà nell'ultima settimana di maggio, secondo il sondaggio settimanale del Census Bureau.

I 1,6 milioni di californiani che fanno affidamento su contratti indipendenti, freelance o gig-economia di lavoro come principale fonte di reddito rappresentano circa i due terzi di tutto il lavoro autonomo; il resto sono imprenditori, afferma il PPIC.

Migliaia di lavoratori presso Uber Technologies Inc. UBER, -3,17% e Lyft Inc. LYFT, -2,77% - molti di loro sono lavoratori a contratto fuori dalla valle - sono stati licenziati nelle ultime settimane come parte di campagne di riduzione dei costi che hanno portato a un aumento delle scorte per entrambe le società. Le azioni di Uber sono raddoppiate dal 18 marzo; Lo stock di Lyft è aumentato del 73% dal 17 marzo.

I lavoratori dell'assistenza sentono il pizzico di ritardi di spesa per le famiglie ad alto reddito, basati su uno studio di codici postali negli Stati Uniti da Opportunity Insights . Il calo dei codici postali più ricchi della California, come San Francisco (-27%), San Mateo (-22%) e Santa Clara (-21%), da gennaio al 17 giugno ha portato a significative perdite di posti di lavoro tra persone con reddito che lavorano in quelle aree.


Nessun commento:

Posta un commento

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

Oro: Come Investire in Oro? Guida all'investimento in Oro

L'oro è da sempre considerato uno degli investimenti da mettere nel proprio portafoglio titoli . Oltre a offrire una diversificazione d...